Facebook & Social Media Campaigns

Ecco le slide che presenterò domani al workshop dell’università di San Marino. Seguendo le indicazioni di Alessandro mi sono concentrato solo  su Facebook, evidenziandone: gli elementi base, i tools e le app più conosciute.

La presentazione intende portare avanti un continuo parallelo fra gli elementi di facebook (pages, events, etc..) e le campagne che sfruttano quella particolare possibilità.

Cybersquatting 2.0

Ne è passato di tempo, ma dagli anni 90 ad oggi il cybersquatting non ha mai veramente abbandonato la rete. Dalle classiche cause, ora da manuale, relative ai domini più noti e “famosi” al 2.0.

Cosa sta succendendo?

Mi è capitato in questi giorni di trovarmi di fronte a questo problema per un paio di marchi registrati esistevano già pagine e vanity url su facebook.

Prima d’ora non avevo mai valutato la pericolosità (o il valore?) della cosa, è chiaro però che trovare centinaia di utenti iscritti ad una pagina, convinti della sua ufficialità, può essere un problema. Ancor più quando utenti un pò sprovveduti si rivolgono direttamente (in bacheca) al “falso” proprietario ponendogli questioni e domande commerciali.

Facebook permette da qualche mese di registrare pagine commerciali e relativi sottodomini (per facebook appunto vanity url). Le organizzazioni stanno aprendo le proprie pagine nel network portandosi dietro investimenti di marketing, advertising e design, così come per myspace anche per facebook si sta affermando un nuova “tipo” di webdesign specializzato, ne è un esempio il sito showcase customfacebookpage.

Come risolvere il problema a monte? Cercando qua e la per la rete ho trovato qualche interessante link che cita leggi e policy.

Facebook Pages informazioni generali sul trademark

Facebook tutela quindi tutte le proprietà intellettuali e i marchi. In meno di 24h mi son visto restituire pagine e vanity url. Segue un secondo gruppo di link con pagine di help e form di richiesta.

Segnalazione di un nome utente in violazione / Restituzione del vanity url

e per twitter ?

Per Twitter la questione è molto più difficile. Non avedo un sistema pubblicitario che si fa garante del diritto di proprietà intellettuale –  il far west è ciò che si è scatenato nei mesi scorsi: parecchi sono i grossi nomi che si son visti il “proprio” profilo occupato (con tanto di follower), da Burger king a Nike. I tweet di CyberSquatters sembrano raccontare questo mondo sotterraneo che oggi con il social media marketing a portata di PMI sembra emergere molto velocemente.

e per tutto il resto?

Con strumenti come knowem.com o namechk.com ci si può difendere bene dall’occupazione dei propri domini. In più con 600$ ci si può registrare su 300 socialnetwork in automatico. Lo stesso vale per il cybersquotter però! 🙂

Gli anti Facebook 2

Un confortante articolo apparso oggi su Tgcom dal titolo “Facebook distrae troppo, oscurato – Negli uffici negato l’accesso al sito”, ci racconta di come l’impresa e il settore pubblico italiano stiano rispondendo al più grande social network.

Le aziende dichiarano guerra a Facebook. A qualche mese dal boom italiano, il più famoso social network al mondo è stato infatti oscurato in alcuni uffici perché distrae i dipendenti. Poste Italiane ha negato completamente l’accesso al sito, Regione Lombardia e Veneto meditano interventi simili, al Comune di Napoli invece il portale può essere visitato soltanto un’ora al giorno, suddivisa in frazioni di dieci minuti l’una.  Continua.

Personalmente ogni qual volta leggo di un sito precluso/oscurato provo sempre una leggere sensazione di “paura” specie se il resto del mondo si sta muovendo in senso opposto.  Credo che sia un mio problema non avere idea del danno alla produttività causato da facebook in quelle aziende, di mio spero solo che prima dell’oscurantismo abbiano valutato anche i valori positivi che si vanno perdendo dall’utilizzo di un social network in un Italia governata dalla carta, dal fax e dal telefono.

update:

A questo punto non mi resta che lasciarvi al sondaggio di Nova24 : “Facebook: la ricerca di Nòva24” .

[more]

Sei un utente di Facebook? Non lo hai mai usato? Continuerai a non usarlo? Vorresti provarlo? Ci sei passato ma hai deciso di uscirne?

Nòva24 ha lanciato una ricerca per capire chi sono gli utilizzatori di Facebook e che uso fanno del servizio. Ma anche che cosa pensano di Facebook coloro che non ci sono mai entrati. I risultati serviranno per realizzare un’inchiesta che sarà pubblicata sul settimanale cartaceo. Se hai voglia, partecipa anche tu rispondendo a un breve questionario: bastano pochi minuti!