Ebook – Una rapida overview del mercato italiano

Nova de Il Sole 24 Ore di ieri ha pubblicato alcuni dati che mi sembrano molto interessanti sul mercato internazionale e italiano degli ebook.

Emerge una sostanziale arretratezza da parte del mercato italiano, che viene imputata a fattori macro-economici e fiscali (la crisi e l’IVA sui libri, in parole povere). Non sono del tutto d’accordo: l’Italia sconta anche, e soprattutto, fattori di arretratezza culturale e tecnologica, che rallentano il decollo dell’ecommerce in generale (e della vendita di contenuti in particolare).

I dati lo confermano: questo report di nVision del 2008, E-commerce across Europe (Progress and prospects), posiziona l’Italia in terzultima posizione per quanto riguarda le vendite online.

Se negli USA gli eBook contano per l’8% del mercato editoriale (fonte: Nova / ilsole240re), e raggiungeranno il 30% entro il 2015, in Italia questa percentuale è dello 0,03% (per il 2009, fonte AIE) e potrebbe raggiungere lo 0,1% nel 2010 (olè).

È interessante sapere che il 90% del mercato è costituito da Amazon/Kindle, che la fa da padrone: non sarà così per molto, con 210.000 iPad che saranno in circolo in Italia entro la fine del 2010.

È interessante notare le prime piattaforme di distribuzione dei contenuti digitali che stanno aprendo i battenti (o aggiungendo titoli in ebook):

Staremo a vedere quale sarà il player che funzionerà meglio, anche considerando che si scontrano con mostri del calibro di App Store e di Amazon.

* Nota a margine: ho pubblicato due anni fa un libro per Mondadori Arte che, oggi, mi fa sapere con una mail (1) che non intende fare un ebook con il mio libro e che (2) io non posso farlo da solo, perchè i diritti sono loro.

Questo mi sembra impossibile, poichè un autore non può concedere dei diritti di utilizzazione che, al momento del contratto, non esistono ancora. Voi che fareste?

Dal libro all’ebook – Un nuovo mercato per i libri illustrati?

Qual è il mercato reale per i libri in formato digitale, se cen’è uno? Secondo un report di Forrester, ormai dell’anno scorso (2009), il mercato c’è ed è saldamente legato a quello dei device per leggerli.

Infatti, la diffusione e la riduzione del costo dei device ha, evidentemente, un impatto di tutto rispetto sul mercato degli ebook (potremmo definirli beni complementari?). È un po’ come il mercato delle lamette da barba, in cui i rasoi vengono venduti sottocosto, sapendo che costringono il cliente a un lock-in rispetto alla marca di lamette utilizzata.

A livello globale, gli ebook avrebbero raggiunto il 6% del mercato editoriale globale, secondo il Guardian (e Amazon attualmente vende 143 ebook per ogni 100 libri cartacei).

I dati di mercato sono estremamente interessanti, a giudicare dalle vendite di ebook dei top 15 editori statunitensi.

Sembra quindi che il mercato degli ebook stia diventando sempre più interessante e – addirittura – fondamentale per tutti gli editori. Un settore mi interessa particolarmente: quello degli illustrati. Questo per motivi sia professionali che personali: ho lavorato per due anni nella maggiore casa editrice italiana di libri d’arte e, da sempre, sono appassionato di libri illustrati.

Per questo motivo, sono molto interessato a quello che fanno gli editori italiani online. Non poteva certamente passare inosservata l’ottima iniziativa di Marsilio editore durante l’ultima Biennale di Architettura: il catalogo della mostra internazionale è stato pubblicato, gratuitamente, in formato iPad (è qui su iTunes).

Mi sembra ancora più interessante l’esempio di Phaidon press, che ha pubblicato per iPad il volume Paidon Design Classics. Si tratta di un’edizione di lusso in tre volumi, che ha il prezzo (per il cartaceo) di ben 150€: evidentemente è un libro da coffee table, fuori dalla portata di studenti e ricercatori. Di conseguenza, l’app del libro, venduta a 19$, costituisce un’ottima alternativa per tutti coloro che fanno un uso di reference dei contenuti del volume (quindi non per chi vuole i tre volumi da 1000 pagine sullo scaffale, ma chi deve usarlo per lavorare).

Si tratta in entrambi i casi di applicazioni, non di ebook in senso stretto. Sembra, quindi, che il modo migliore per convertire un layout complesso in formato iPad o iPhone sia proprio quello di wrapparlo in un’applicazione, anche se – dal punto di vista tecnico – potrebbe essere altrettanto funzionale la conversione in EPUB e la pubblicazione diretta del libro su iTunes. SE il formato EPUB consentisse di renderizzare correttamente il layout di un libro illustrato: cosa che, almeno per ora, non sembra possibile.

Oppure no? Se ne sapete di più, fateci sapere.

Dal libro all’ebook – le possibilità per pubblicare su mobile

Quali sono le opzioni per chi volesse pubblicare un libro in formato digitale, oggi, in Italia?

iPad e iPhone, che costituiscono una buona fetta del mercato mobile, utilizzano il formato EPUB, un formato aperto e gratuito per l’editoria digitale. Visto che si tratta di un formato aperto, le opzioni per convertire un PDF in EPUB sono molte e quasi tutte open e aggratis.

  1. Calibre (gratuito, Mac / Windows / Linux)
  2. ePub2Go (gratuito, web-based)
  3. Zamzar (gratuito, web-based)
  4. ePubBud (gratuito, web-based)
  5. Stanza (gratuito, Mac e Windows)
  6. Pages (commercial, Mac only)

Tuttavia, è difficile ottenere una buona conversione in EPUB per un libro illustrato (un layout con testo e immagini).

Un’opzione per la pubblicazione su iPad e iPhone è sicuramente paperlit, azienda leader nella conversione e pubblicazione di contenuti su mobile. Il PDF del libro viene convertito e reso disponibile sull’App store di iTunes (come applicazione singola o come applicazione a subscription), e pubblicato per accesso da browser/mobile in JS e Silverlight.

Ho provato a pubblicare il PDF del capitolo di prova del libro Graffiti Writing, il formato web è online qui. I testi sono stati renderizzati piuttosto male, ma ammetto i miei esperimenti con questo servizio sono stati rapidi e approssimativi. Ritenterò con più impegno. In realtà l’account di prova non renderizza i PDF alla massima risoluzione: la demo ha questa limitazione, anche se non è espressa sul sito di paperlit.

Il pricing del servizio varia dai 200$ ai 600$, a cui va aggiunta una set-up fee di 2400$ circa. È un’ottima soluzione per i libri illustrati: è possibile infatti pubblicare i PDF completi. Le revenues per il publisher provengono dalla vendita dell’app sull’app store, o dalle sottoscrizioni da parte dei lettori.

simplicissimus si propone come alternativa italiana: tuttavia, è piuttosto difficile avere un’idea chiara del pricing del servizio, almeno dal sito.

È un caso interessante anche la startup padpyrus, piuttosto interessante per chi ha uscite frequenti, come i quotidiani.

Il principale concorrente di Apple iPad, per quanto riguarda la lettura di ebook, è sicuramente Amazon Kindle (oltre al device fisico l’applicazione Kindle è disponibile ormai su moltissime piattaforme, tra cui Android, iPad e iPhone). Il problema principale, per chi si occupa di libri illustrati, è il device: in bianco e nero, supporta solo il formato proprietario di Amazon, verso il quale è piuttosto difficile pubblicare i layout originali in PDF.

Il punto di partenza è Amazon DTP, che consente di uploadare i propri file .doc, anche in assenza di un codice ISBN. Rappresenta sicuramente un’ottima soluzione per romanzi, articoli e libri in cui la componente testuale è predominante.

Purtroppo Amazon utilizza un formato proprietario, il formato Kindle: per ora in bianco e nero, con una gestione tutta sua degli impaginati. Guardate come ha ridotto il colophon di Graffiti Writing

Graffiti Writing su Amazon*, convertito per Kindle

*se sei della Mondadori e stai leggendo questo post: non temere, non sto rubando dei soldi a nessuno. Il libro è ormai esaurito e ho pubblicato, come test, solo il capitolo (gratuito) già disponibile online.

Amazon offre due magnanime opzioni all’editore: è possibile scegliere tra il 70% di royalties e il 35%.

In realtà, non si tratta di una vera scelta: il 35% di royalties sul prezzo di vendita si applica nella maggior parte dei casi, mentre è possibile ottenere il piano del 70% (sul prezzo di vendita al netto dei delivery costs, come definiti qui) solamente sulle vendite effettuate negli Stati Uniti.

La complessa gestione fiscale dei pagamenti Amazon fa sì che, per la pubblicazione online, sia estremamente raccomandato avere un tax number americano. È comunque possibile pubblicare anche avendo un indirizzo EU, ma si verrà pagati esclusivamente con assegno (e, in assenza di una posizione fiscale US, Amazon tratterrà il 30% delle revenues come imposte).

Ecco qui la pubblicazione su Amazon del mio fondamentale articolo “Diventare ricco vendendo Viagra”. 😉

Di sicuro esistono altri metodi di pubblicazione. Vorrei riuscire a capire quali sono i più opportuni per i testi illustrati. Voi ne conoscete altri?

Uncle Pear a San Marino Design Workshop 2010

Siamo stati invitati a tenere un workshop sulla comunicazione online all’Università di San Marino, durante la tradizionale settimana di workshop organizzata dalla facoltà di Disegno Industriale, che si tiene con cadenza annuale.
Quest’anno tutti i workshop avranno come oggetto il borgo antico di Montegiardino: il programma è decisamente interessante.
Noi cercheremo di capire, insieme ai 20 partecipanti, come valorizzare il patrimonio culturale di una città utilizzando tutte le tecniche del social marketing, dall’impostazione della campagna al seeding online.
Siamo particolarmente felici di poter partecipare ad appuntamenti come questo, che si inseriscono a pieno nel programma di ricerca e collaborazione con le Università che Uncle Pear porta avanti ormai da molto tempo.
San Marino Design Workshop 2010
MONTEGIARDINO. DESIGN PER IL BORGO ANTICO
13-19 settembre

Design per il borgo antico di Montegiardino

San Marino Design Workshop 2010, iniziativa del Corso di laurea
in disegno industriale dell’Università degli studi della Repubblica di San Marino, è dedicata quest’anno al ruolo che il design può assumere negli interventi di valorizzazione dei centri storici, specialmente quelli di piccole dimensioni. Una riflessione quindi su come il design, dialogando con altre discipline progettuali,
può rendere fruibili nel modo migliore gli spazi, i percorsi, i servizi e le informazioni in ambito urbano.
L’occasione per sviluppare questa ricerca è stata offerta al Corso di laurea dalla Giunta di Castello di Montegiardino. Il piccolo borgo antico, grazie alla struttura urbana e gli edifici storici esistenti, che conserva in larga parte le forme originarie ben si presta ad essere indagato in questo senso; in un contesto ove convivono il necessario stato di conservazione e il rispettoso adeguamento alle mutate esigenze del vivere contemporaneo.
Dal 13 al 19 settembre nel corso di 8 workshop progetteranno sul tema Montegiardino. Design per il borgo antico oltre un centinaio di studenti, condotti da 8 designer italiani e internazionali coadiuvati da tutor scelti fra i neolaureati al Corso di laurea. I progettisti ­– Gaetano Ceschia, Davide Crippa/Ghigos ideas, Pedro García-Espinosa Carrasco, Eberhard Carl Klapp, Alessandro Mininno, Franco Raggi, Stefano Rovai, Marcello Ziliani ­– e gli studenti sono chiamati ad analizzare e immaginare soluzioni attorno ad alcune problematiche tipiche dell’insediamento abitativo, dalla segnaletica pubblica alla presenza di servizi per la collettività, dalla mobilità sostenibile alla valorizzazione di percorsi turistici e culturali.
Sempre nella sede del Corso di laurea (Contrada Omerelli 20, San Marino Città) si terranno da 14 al 16 settembre alle 18,30 tre conversazioni con gli stessi progettisti.
Sabato 18 e domenica 19 sarà, invece, allestita la mostra conclusiva dei risultati dei workshop nel suggestivo contesto del borgo di Montegiardino.
Patrocinata dalle Segreterie di Stato di riferimento, l’iniziativa da una parte configura un modello di utile collaborazione fra Università e realtà pubbliche, dall’altra presenta una modalità virtuosa e attenta di intervento sul territorio e sulle sue caratteristiche
ambientali e architettoniche.

Enterprise social 2.0 – Rip or Roi report (part 2)

Ecco il report della seconda giornata di Enterprise Social 2.0 – Rip or Roi

1. Tormod Askildsen, Senior Director for Community Development – LEGO

Lego ha un incredibile seguito su tutti i network: esistono 275k video su di loro su youtube. Dicono: noi non siamo i proprietari del brand, sono gli utenti i proprietari del brand.

Tra i progetti che portano avanti:

– Lego Certified Professionals
– Lego Factory (crowdsourcing dei modellini)
– Lego Architecture (joint venture con un architetto)
– Lego Fan Media Business (rivista)

CUUSOO

Le persone possono costruire modelli, farli votare e quando un modello supera mille voti viene messo in produzione e l’autore percepisce delle royalty: per ora è successo solo a un modello.

Lego è un ecosistema che produce e consuma valore relazionale: il compito dell’azienda è facilitare le realazioni azienda-fan, ma anche le relazioni tra i fan.

L’ipotesi di base è che c’è già molto entusiasmo intorno al brand ed è possibile, per l’azienda, creare delle realzioni.

LegoClick.com

2. Jussi-Pekka Erkkola – NOKIA
“Re engineering marketign and changing the mindsets”

Nokia sta cercando di ristrutturare il proprio business da produttore di cellulari a fornitore di contenuti.
Si parte dalla sm strategy: hanno cinquanta account su Twitter.

Marketing

Product
Place      | – > product creation
Price      /

Promotion -> marketing / communication

Are we gatting immune to “advertizing”? Nokia mostra una heat map in cui nessuno clicca sulla pubblicità

Owned, bought and earned media

Niche is becoming the norm

I media “earned” guadagnati sono la forma di comunicazione che riscuote più fiducia tra i consumatori, ovviamente

Portare l’idea “connecting people” sut tutti i versanti, anche all’interno dell’azienda. Nokia è su diversi mercati, diverse nazioni che usano device diversi.

Cos’è il marketing in un mondo digitale? Non possiamo più pensare che il tradizionale funnel funzioni ancora. Il marketing è una conversazione. Ascoltare, in alcuni casi, è meglio che parlare.

“Conversation is the new conversion”

Nokia divide così la sua strategia:

owned media -> clienti

bought media -> estranei

earned media -> contatti con i quali c’è una conversazione, fanbase

Tendenzialmente Nokia vorrebbe diminuire i media “bought” a favore degli altri due.

Nokia intende aumentare l’importanza dello sviluppo di prodotto: concept, production e media buy, ora il rapporto è 15-15-70, lo vogliono portare a 30-30-40.

Il marketing deve essere sostenibile: andare oltre la singola campagna, andare avanti, continuare a parlare alla fanbase.

Il marketing deve essere Scalabile: costruire altri pezzi del prodotto, in modo da consentire economie di scala e una crescita maggiore

Il marketing deve essere Significativo: parlare di meno, fare di più

Il marketing deve essere Misurabile: ROI

Dalle 4 p alle quattro E di ogilvy: Experience, Everywhere, Exchange e Evangelism.

3. Sean MacNiven, Head of Web Services, Global Communication – SAP

“Never let a good crisis go to waste”

Connetti sempre la tua strategia social a un obiettivo.

SAP ha sviluppato un complesso sistema interno di gestione della conoscenza (basato su una wiki di Atlassian Confluence), in cui spicca il “forum” Questions and Answers, che ha totalizzato 50k views, 35k+ voti e più di 500 domande nelle prime 24 ore. Il management risponde alle domande con più voti.

Anche SAP crea delle sm guidelines, formate in modo collaborativo, mutuate in gran parte dalle policy di IBM.

Le community interne sono di tre tipi:

Ecosistemi Aperti

  • Senza confini definiti
  • Legami deboli
  • Introiti psicologici
  • Amplie fluttuazioni

Ecosistemi chiusi

  • Incentivi misti
  • I confini esistono, ma possono non essere chiari
  • Si creano dei gruppi definiti
  • Introiti psicologici
  • Fluttuazioni medie

Team

  • Gestione diretta
  • Limiti organizzativi
  • Poche fluttuazioni

Il cambiamento parte dall’organizzazione: piccoli passi possono portare a crescite notevoli in termini di ROI. La base di tutto è la fiducia nei propri dipendenti.

4. Michael Heiss, Vice President of Knowledge, Innovation and Technology – SIEMENS

Social media and ROi

da rip or roi, a rip for roi.

“All business plan look the same: you lose money for three year (break even), than you start earning. Why should a CEO or CIO believe this business plan?”

Siemens prova a misurare il ROI per TechnoWeb 2.0 come riduzione dei costi (riduzione dei costi di 0,4 mln nell’anno 08/09, grazie alla diminuzione di richieste di supporto tecnico) e massimizzazione dei risultati ottenuti.

TechnoWeb 2.0, in sostanza, è un motore per cercare le persone che conoscono la risposta alle tue domande. L’unico requisito è iscriverti a un social media.

Heiss prova a utilizzare la metodologia della balanced scorecard per calcolare il ROI complessivo dell’iniziativa, focalizzandosi su un indicatore facilmente misurabile: il flusso finanziario collegato alla produzione dell’iniziativa. Tuttavia i movimenti monetari non sono l’unico valore che questa iniziativa genera: use-cases vengono continuamente elaborati e sottoposti al middle-management attraverso una serie di workshop, in modo da comunicare strumenti anche complessi (in questo caso, i mashup).

5. Adam Wallace, Head of New Media Marketing – ROGER SMITH HOTEL

L’hotel newyorkese (Roger Smith Hotel) cerca di essere meglio dell’hotel medio, con collezioni d’arte e una completa presenza online.

La storia è che un membro dell’hotel ha avuto 13 tumori al midollo e ha iniziato a usare Twitter perchè bloccato sulla sedia elettrica. In questo modo ha raccolto una community di persone che andavano agli eventi: ora hanno 5000+ followers su twitter.

In seguito, hanno iniziato a produrre contenuti e a trasmetterli online riscuotendo un ottimo successo: podcast e video prodotti nelle camere, per esempio. Tutti i contenuti vengono realizzati all’interno dell’albergo, dal personale esterno.

Midtown Manhattan Hotels Hotel with Suites in New York City - Roger Smith Hotel - Hotels in Manhattan New York City, NY

Alcuni esempi si possono vedere sul loro canale YouTube: http://www.youtube.com/user/rogersmithnews

Il primo video venne realizzato per creare un po’ di buzz, il secondo per fare qualcosa di divertente (e ottenne 5000 retweet)… e così via.

I risultati sono stai un’incredibile fiducia (loyalty) e un’incredibile quantità di word of mouth. Ed è l’unico tipo di revenues che sono riusciti a misurare. Tra l’altro, Adam Wallace è convinto che quello che sta costruendo è una relazione di lungo termine con i propri clienti.

Poichè il pubblico parla continuamente del brand, tutti i dipendenti devono sapere che sono sul palco, sotto una lente di osservazione, e comportarsi di conseguenza.

6. Ramon De Leon, Operating Partner & Social Media Visionary
DOMINO’S PIZZA CHICAGO


I cannot make money selling pizzas for One Dollar, but I can make money off the conversation it creates

Domino Pizza crea dei contest a tempo: a chi risponde entro un minuto paga la pizza un dollaro… etc!

Regole di ingaggio

– Sii parte della conversazione, o iniziane una

– Controlla le tue impostazioni di privacy

– Usa le liste per categorizzare i tuoi amici

– Sii reale e trasperente: sii te stesso

– Non esistere se non sei disposto a coinvolgerti

La conversazione è la nuova moneta online. Twitter è una miniera di conversazioni.

Ramon de Leon usa uno strumento simile a twitterdeck (monitter) per controllare la localizzazione dei tweet per area geografica.

Se il “fuoco” arriva dai social network, abbiamo bisogno di “acqua” per spegnerlo: monitorare costantemente e rispondere a tutti i problemi e a tutte le critiche.

La storia è la seguente: Ramon vede che amy_interactive ha un problema, le è arrivata la pizza sbagliata. Amy se ne lamenta su Twitter. Ramon non riesce a farle recapitare una pizza corretta in tempo, così prende una videocamera, ci mette la faccia, e le manda un messaggio di video scuse (che è qui). Il video fa 100k views.

Un’altra: Ramon vede un messaggio che dice che Domino ha finito le pizze. “Domino’s out of pizza”. Ramon gli offre tre pizze un altro giorno, al lavoro. L’effetto è WOW.

L’obiettivo delle sue azioni non sono i numeri: è cambiare la testa della gente, fargli condividere le emozioni riguardo al prodotto, sorprenderli.

Tra le altre tecniche: fotografare una pagina di giornale con le proprie pubblicità (fetta di pizza gratis) e condividerle su twitter, per moltiplicarne l’effetto.