Food 2.0 – comunicare un prodotto alimentare artigianale

Lo scorso sabato abbiamo presentato a Treviso un piccolo intervento focalizzato alla comunicazione e posizionamento di prodotti alimentari artigianali sulla rete. Qui sotto la nostra presentazione.

Un anno di Enterprise 2.0 in Project Group

Ho da poco rinnovato la licenza di Confluence!

È passato un anno di Enterprise 2.0 in Project Group (senza contare i primi mesi di test e progetti pilota..), un anno difficile e parecchio impegnativo ma che mi ha permesso di conoscere molto sia le tecnologie che le persone – “l’Enterprise 2.0 sono prima di tutto le persone” , beh ho avuto modo di averne la prova! 🙂

Oggi l’E2.0 di projectgroup si articola sostanzialmente su gli stessi tre macro strumenti-servizi, con i quali abbiamo iniziato 12 mesi fa:

  1. Goolge apps premiere – per tutto quanto riguarda mailing, calendari condivisi e google docs, per lo più utilizzato per i fogli di calcolo: qualche sites e poche altre applicazioni sviluppate da terzi.
  2. Confluence + Refined wiki – abbiamo rinnovato confluence passando a 100 utenti con la volontà di aprire, nel breve futuro, alcuni space verso specifici utilizzi e collaborazioni. La licenza del tema di Refined wiki è stata scelta per l’alta possibilità di customizzazione, per il design facile e chiaro e per il semplice e versatile metodo di strutturazione dei contenuti.
  3. WordPress & WordPress MU – per tutti i blog ed i dialoghi esterni all’organizzazione.

La sfida di oggi si apre proprio da qui!
Dopo un anno nel quale l’organizzazione ha incontrato e conosciuto diversi strumenti 2.0, preferito e scelto una soluzione di social-wiki sulla quale ha modellato il suo lavoro quotidiano, non resta che consolidare il lavoro fatto e strutturare nel migliore dei modi la conoscenza depositata durante l’anno passato e quella che ancora deve raggiungere il wiki. Far fronte ai contenuti e non esserne sommersi sarà il nostro grido di battaglia 🙂

Mandateci un in bocca al lupo!

Re: Nuovi Media Nuove Persone – Il dolce di lusso (b2c)

Qualche mese fa annunciavo su questo blog la mia partecipazione al Master “Nuovi Media e Nuove Persone” tenuto dall’Accademia S.Giulia di Brescia.
E’ stata un’ottima esperienza grazie alla quale ho avuto modo di poter lavorare con nomi “della rete” del calibro di Domenico Quaranta e Marco Cadioli – fin ad ora incontrati solo sulle pagine della mia vecchia tesi . La maggior gratificazione mi è arrivata però dal veder crescere in esperienze e competenze una ventina di professionisti passati da un utilizzo del web di tipo strumentale ad una più profonda conoscenza delle dinamiche di rete.

Durante i 3 corsi che ho avuto modo di tenere: Social Network base, WebMarketing base ed avanzato, ho proposto ai corsisti di seguire 4 casi aziendali: di svilupparli, analizzarli e per proporne idee e soluzioni. Un social network , ning, ci ha aiutato a collaborare, scambirci link, informazioni, commenti ed ad organizzare il lavoro dei 4 gruppi da 5 studenti.

In questa mini serie di post intendo raccogliere le presentazioni ed il lavoro svolto dai diversi gruppi su questi “casi studio”.  Ma andiam con ordine…

il caso b2c – il dolce di lusso

il gruppo formato da Angela Iussig, Francesco Raucci, Giacomo Lamperti, giorgio merigo ed Elena Cecchini, si è trovato ad affrontare un caso b2c molto particolare: affermare sull’online un brand destinato ad un mercato food/luxury con un budget, messo a disposizione per il solo online (social media), di 7000€.
Il loro lavoro ha definito il cliente e i suoi bisogni, il prodotto, il target ed i profili, le linee grafiche e la corporate image. Hanno inoltre pianificato una strategia di posizionamento a 360 gradi che ha riguardato un blog, un sito ed alcuni social media. Cuore del progetto una strategia di buzz generata da un viral video (prevista una serie) che ,nei piani, porterebbe la rete ad interessarsi prima al video, poi a ricercarne i particolari in esso contenuti ed infine a scoprire il sito/blog del prodotto. Una strategia/comunicazione dal sapore noir probabilmente molto vicina alle aspettive ed al target di un lussuosa “cena con delitto”.

il nome scelto per il prodotto/brand è stato Complice.

segue il video ..

e alcuni screenshot ..