I @coltivamusica sono l’esempio perfetto di marketing territoriale

Ho incontrato i “Coltivatori di Musica” quest’estate, durante le mie vacanze ad Amantea, paese del Cosentino, che da qualche anno è culla di Guarimba – Film Festival Internazionale.

La Guarimba sta diventando il centro gravitazionale di quella zona della Calabria capace di attirare: turisti da tutto il mondo, illustratori, tanti registi e Vimeo come giuria e partner dell’evento, proprio in questo contesto ho incontrato i Coltivatori di Musica. 

I Coltivatori di Musica propongono un’idea semplice, geniale e al contempo rivoluzionaria: ballano, cucinando gnocchi di patate al sugo di pomodoro di Belmonte. 

Un video pubblicato da @betone in data:

È difficile descrivere l’esperienza che offrono, sono fortissimi: un po’ rock a billy, un po’ Italia anni 50/60, un po’ cuochi, un po’ ballerini, un po’ esperti di marketing territoriale, un po’ kilometro 0, un po’ storytelling, un po’ cucina fatta in casa, un po’ “una l’Italia vista dagli americani“, un po’ per l’identity grafica perfetta e adattissima (dalle brochure ai biglietti da visita), un po’ per i social usati con senso e un po’ per il merchandising spaziale (una presina da forno illustrata + un attrezzo in legno per rigare gli gnocchi). 

Schermata 2015-08-26 alle 18.05.30

Il filo rosso che collega questo mix pazzesco è il territorio. I ragazzi vengono da Belmonte, paese vicino ad Amantea, riconosciuto per un prodotto davvero prezioso: il tipico pomodoro. Tutto lo show, tutta la cucina, tutta l’idea mira a far conoscere il paese e i suo prodotto principale.

Di lavoro ascolto e cerco idee e questa è sicuramente una delle più forti incontrate ultimamente. È un nuovo modo di vedere l’Italia, è un nuovo modo di comunicare e dare identità ad ogni singolo paese della penisola, è un modo per non ricordare il prodotto locale. 

Spero di avere presto i coltivatori di musica a Brescia magari per il prossimo Pane Web e Salame 6.

Bravi!

Schermata 2015-08-26 alle 18.05.14

Schermata 2015-08-26 alle 18.11.20

Pesce grosso mangia pesce piccolo: Il caso studio di fuoridalforno.com – aggiornato!

Mesi fa ero intento a segnalare ai ragazzi di ninjamarketing la nostra ultima campagna dal titolo “fuori dal forno: azzera il prezzo di lancio a suon di share e mi piace”. una campagna di lancio prodotti da forno fatta per uno store di una piccola PMI italiana che da due anni vive di social media e che abbiamo avuto il piacere di seguire fino a Dicembre 2010!

L’idea è semplice.

Lunedì presentiamo i nuovi biscotti (o torte) su Facebook e Twitter, venerdì i biscotti vanno online sullo store. In questi 5 giorni  puoi abbassare il prezzo di lancio premendo like o facendo share della pagina!

Il progetto prende piede e lanciamo 6 o 7 prodotti: tra torte e biscotti. Le persone sembrano amare l’iniziativa ed in poco tempo portiamo la  pagina facebook.com/ilpanettone a diverse migliaia di fan.

Ecco le singole campagne chiuse:

  1. http://fuoridalforno.ilpanettone.com/it/canestrelli
  2. http://fuoridalforno.ilpanettone.com/it/torta-russa
  3. http://fuoridalforno.ilpanettone.com/it/biscotti-al-latte
  4. http://fuoridalforno.ilpanettone.com/it/torta-arancia-e-cioccolato
  5. http://fuoridalforno.ilpanettone.com/it/danesi
  6. http://fuoridalforno.ilpanettone.com/it/ciambella-di-nonna-rachele
  7. ..

Momenti di terrore.

Piccolo momento di terrore il giorno di lancio di fuoridalforno.com: il gigante Uniqlo lancia lucky counter : stesso meccanismo, ma su twitter!  …. fiuuuu!! abbiamo avuto la stessa idea, fortunatamente lanciata nello stesso giorno e su social network diversi; Sani e salvi entrambe!


PSFK racconta qua dell’esperienza di Uniqlo, mentre se avete accesso all’area privata di PSFK e cercate “Web 2.0 strategies for an outstanding Italian bakery” trovate tutta la nostra esperienza riguardo “fuori dal forno”.

Detto questo…

Mi dispiace solo non essere riusciti ad interessare il primo punto di riferimento italiano legato a queste azioni: ninjamarketing, anche perchè l’idea ci sembrava bella e funzionante, così come la loro form di segnalazione di news!

A quanto pare però a distanza di tempo abbiamo comunque avuto la benedizione dei ninja, certo in maniera trasversale (..diciamo così!): alla fine anche ninja lab e viral beat sono stati interessati al medesimo meccanismo addiritura citando il post  Più ti piace, Meno costa! Terranova lancia l’ecommerce su Facebook si legge che:

Sembra incredibile, ma il principio della nuova campagna Terranova, i cui concept e direzione artistica sono stati curati da Ninja LAB e la diffusione da ViralBeat, è proprio questo: sconti su ogni items che “Ti Piace”.

Insomma complimenti ai due pesci grossi!

Edit serale:

LOL i pesci grossi sembrano in aumento, si direbbero squali date le dimensioni, ottima idea anche per Toyota (blogpost) con likemyride, ma questi sono australiani non contano!

grazie a Bianca per tutte le segnalazioni!

Edit Giugno 2011:

I casi di social discount legati al tasto like aumentano: in questo articolo Mashable spiega la promozione  della linea profumi di Snoop Dogg.  Oltre lo stesso meccanismo, un altro particolare accomuna questa promozione alle altre citate sopra:

A rep for dotbox, the company behind the Facebook promotion, says she believes the “Likes” discount is an industry first.

Food 2.0 – comunicare un prodotto alimentare artigianale

Lo scorso sabato abbiamo presentato a Treviso un piccolo intervento focalizzato alla comunicazione e posizionamento di prodotti alimentari artigianali sulla rete. Qui sotto la nostra presentazione.