“Perchè comunicare su web?” e “Viral, Buzz, Guerrilla”

Le slide di Alessandro presentate al workshop di San Marino, seguono (e precedono) le mie riguardo a Facebook e le campagne sui social media.

Molto interessante anche il lavoro portato avanti dai 5 gruppi di studenti del workshop, trovate tutto il lavoro fatto su questo sito http://www.supergiardino.com/ e sul network di blog aperti su posterous :

Google Buzz – Provato!

Ieri in sordina e senza alcun hype è stato lanciato google buzz, ve ne siete accorti?

GBuzz è un aggregatore, una piattaforma di blogging, una di microblogging ed una di sharing – tutto in un unico coltellino svizzero. Già al lancio GBuzz sembra essere ben integrato con Gmail: è facile importarne contatti, settaggi e collegare altre app sia di BigG (youtube, picasa) sia di altri come flickr e twitter.

La sensazione generale è di aver a che fare con una versione di wave modificata, migliore in usabilità e fluidità. Un Google wave al sapore di facebook (“mi piace”) e twitter (“Follower”).

La versione mobile è veramente fenomenale, se non fosse per l’impossibilità di nascondere la propria posizione mentre si tweeta, pardon si buzza, direi che è perfetta.

WordPress Vs. Buzz

Se state cercando il plugin per aaggiungere il bottone “buzz” ad ogni post di wordpress, non dovete faticare, è già stato sviluppato! Se invece volete importare sul vostro blog i vostri buzz allora il plugin giusto è questo. In attesa che google porti il suo nuovo GBuzz su Google App Premiere, da ieri stiamo sperimentanto Gbuzz con i nostri account privati. Sarebbe bello provare a breve un Buzz embed!

Questo è il mio URL! Buzziamo?