Le 5 W Dei Social Network: Quello Che Dovete Assolutamente Sapere

Abbiamo chiesto a Pietro Colella di stilare una lista delle liste. Il post che segue è la collezione dei più classici consigli al buon utilizzo dei social media.

Le 5 W dei Social Network

Sulla rete è possibile trovare tantissimi articoli che segnalano “i 10 consigli per gestire le pagine Facebook” oppure “le 5 cose che dovete assolutamente sapere per creare una pagina Facebook”. Ho deciso di mescolare tutti i consigli trovati rivisitando la mitica regola delle 5W.

#Why, Perché Apparire Sui Social Network

Questa è la prima domanda da porsi! L’obiettivo principale di qualsiasi azienda che voglia apparire sui social netowrk è instaurare una relazione.

  • 1 Avere tanti fan ma non avere una relazione, significa avere zero fan
  • 2 Puntate alla relazione, a coinvolgere le persone
  • 3 Producete contenuti che siano interessanti, che incuriosiscano o divertano
  • 4 Rappresentare una risorsa per i vostri fan

#Where, Dove Iscriversi?

Esistono tanti social network ed ognuno ha le sue peculiarità. Sono tante le aziende che diffondono le proprie informazioni su decine di reti, aprendo tante pagine sul proprio brand e sui prodotti. Pochissime riescono, però, a tenerle costantemente tutte aggiornate.

  • 5 Selezionate accuratamente i portali ai quali iscrivervi e quelli poco interessanti

In relazione alle statistiche ufficiali e ai trend di iscrizione ho deciso di analizzare questi 3 social network ai quali ritengo imprescindibile l’iscrizione:

Facebook:

  • Il più generalista nel quale si veicolano i messaggi in maniera molto informale;
  • Idoneo per creare molto engagement e proporre azioni call-to-action;
  • Si possono tenere aggiornati i fan per ogni iniziativa.

Twitter:

  • E’ frequentato da molte celebrità e persone influenti;
  • Il social network rapido, utilizzato per brevi slogan pubblicitari;
  • Permette di creare un rapido microblogging e di fornire assistenza (ad esempio Tim e Vodafone);
  • Maggiori possibilità di listening in quanto le conversazioni sono pubbliche.

Linkedin:

  • Sicuramente più serio e professionale;
  • Presenza di molti manager e business man;
  • Permette di conoscere più facilmente persone del settore e di confontarsi con loro.

Ho creato una mappa molto intuitiva che raggruppa i più famosi social network in relazione alle varie fasi del processo di acquisto del consumatore (cfr. Ladvige R.J. & Steiner G. A. ,1961 consultabile qui) e agli utenti che tipicamente frequentano il portale.

  • 6 Non condividete gli stessi contenuti su tutti i social network, ognuno di questi strumenti ha un modo diverso di comunicare e ognuno di essi deve sottendere al raggiungimento di un certo obiettivo.

#When, Quando Pubblicare?

Scegliere l’orario è fondamentale per evitare momenti della giornata o della settimana in cui il mezzo è congestionato

  • 7 Il più alto livello di interazione è tra le 22:00 e le 12:00 (ET)
  • 8 Case Study mostrano che dalle 21:00 alle 23:00 è possibile generare su Twitter delle situazioni di micro blogging molto coinvolgenti (qui una piccola ricerca)
  • 9 I contenuti pubblicati al mattino presto (4:00 – 8:00) hanno un numero elevato di interazioni ma, il picco si raggiunge la sera dalle 18:00 alle 20:00
  • 10 Nel week-end c’è il picco di interazioni su Facebook, il venerdì è il giorno peggiore. Al contrario, il numero di retweet è più elevato il venerdì

#How, Come Programmo I Contenuti?
La programmazione dei post è un’attività molto importante dalla quale dipende fortemente il successo della strategia. Ovviamente è impensabile svegliarsi tutte le mattine alle 5 per pubblicare i post su Facebook quindi, sono stati creati a tal proposito una serie di strumenti.

  • 11 Utilizzate la programmazione dei post di Facebook (è molto semplice, potete trovare una miniguida qui)
  • 12 Utilizzate applicazioni per schedulare le vostre attività su tutti i social network, ce ne sono di buoni che sono freeware (alcuni esempi qui)

#What, Che Cosa Posto?

  • 13 Imparate a conoscere il vostro target: se una pagina è piccola spesso il target online uguale a quello offline, se invece è molto grande sarà necessario classificare alcune notizie
  • 4 Utilizzare le impostazioni di Facebook per suddividere i post in relazione alla posizione geografica e alla lingua
  • 15 Gli utenti visualizzano (clickano per informarsi) più facilmente, in ordine, foto, testi e video (qui trovate una intuitivo infografia di Danzarella)
  • 16 Gli utenti rispondono più facilmente, in ordine, ai testi, foto e video
  • 17 Gli utenti condividono più facilmente, in ordine, foto e video

In relazione ai trend che è possibile seguire sui social network si denotano alcune best practices:

  • 18 Generate story-telling per create attorno ai prodotti un senso di magia e di coinvolgimento (alcuni approfondimenti qui)
  • 19 Create “engagement” coinvolgendo direttamente i fan con delle domande o mini giochi
  • 20 Evitate di farlo spesso!!!! L’obiettivo è la relazione (vedi #Why)
  • 21 Generate pochissimi concorsi l’anno, seri e non di breve periodo, la parola d’ordine è fidelizzazione e passaparola (ad esempio https://www.facebook.com/borotalcoofficialpage ha problemi nella gestione di un concorso, Nivea For Man https://www.facebook.com/NIVEAFORMENItalia sta realizzando un concorso che sta ottenendo un enorme successo)
  • 22 Coinvolgete la comunità nella co-creazione di alcuni prodotti
  • 23 Prevedete dei privilegi per i fan, anteprime di prodotti o particolari sconti. Anche in questo caso, parola d’ordine e passaparola!

Scusate se sono prolisso, ma vorrei analizzare anche questo aspetto che non è trascurabile. La semplice iscrizione sui social media è già un segnale del modus operandi dell’azienda.

  • 24 Affidatevi a professionisti (fidelizzazione programmatori o social strategist) per definire e realizzare lo stile della pagina
  • 25 Decidete da subito la modalità di partecipazione alla vita della pagina in particolare il livello di interventismo nelle conversazioni.
  • 26 Taggate sempre il soggetto al quale state rispondendo
  • 27 Ottimizzate le condivisioni per i mobile devices, sono sempre di più i soggetti che in Italia accedono ai social network da mobile.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *