Re: WORK SHOP :: Business reale nei Mondi Virtuali

italian life
fonte img the daily bit, italian life di NoReal.

Breve estratto sul convegno tenuto ieri a Brescia dal titolo “Business reale nei Mondi Virtuali“.

L’intervento dell’Arch. Davide Borra (noreal.it) si apre con un interessante descrizione dell’applicazioni 3D al business. Si sottolina quanto il 3D sia sotto i nostri occhi quotidianamente, dalle pubblicità ai programmi tv, passando per set ed ambienti virtuali fino ad arrivare alla soluzione presa da alcune società che ormai da tempo hanno abbandonato modelli e prototipi reali sostituiti esclusivamente da modelli tridimensionali digitali.
L’utilizzo di periferiche adatte quali schermi blu, wiimote, proiettori e molte altre, permettono un’immersione al 3D sempre più vicina al reale creando contaminazioni di un mondo sull’altro e viceversa.

In sostanza per un impresa di produzione lavorare direttamente in 3D vuol dire da un lato aumentare i costi di progettazione, costruzione e realizzo del prototipo; aumenti giustificati da una maggiore ricchezza dei dettagli caratterizzanti il modello, non solo tecnici e produttivi ma anche estetici.
Il modello così arricchito può essere però utilizzato in un numero più elevato di processi abbattendo così diversi costi: dalla produzione, all’advertising (il prototipo viene fornito direttamente dall’azienda e non deve essere ricostruito nuovamente) su web, tv e giornali, all’introduzione di questo in mondi virtuali (saranno da affrontare solo costi di conversione) fino all’utilizzo nella realtà aumentata.

In ambito virtual worlds, second life può essere, per ora, il teatro ideale per un nuovo utilizzo di queste risorse.
Seguono alcuni casi aziendali che si sono avvalsi dei servizi di Noreal e per i quali si è puntato a presenze inworld che non risultino invasive (il marchio è ditribuito in modo limitato sull’isola virtuale), proponendo poi esperienze dinamiche articolate in eventi e contenuti capaci in tal senso di catturare l’interesse dell’utente verso il brand e la sua comunicazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *